Hong Kong, esercito Cina: proteggeremo sovranità e stabilità

Dmo

Roma, 1 ago. (askanews) - Il numero uno dell'esercito cinese a Hong Kong ha rotto il silenzio sulle proteste per la prima volta dicendo che le manifestazioni "hanno minacciato in maniera grave la vita e la sicurezza" delle persone e non dovrebbero essere tollerate, scrive il Guardian.

Il comandante dell'Esercito di liberazione del popolo a Hong Kong Chen Daoxiang ha dichiarato di essere "determinato a proteggere la sovranità, la stabilità e la prosperità nazionale di Hong Kong".

Dichiarazioni che arrivano all'indomani dell'incriminazione di 43 manifestanti. Tra gli accusati un sedicenne e un pilota della Cathay Pacific.