Hong Kong, +Europa: neutralità Di Maio schiera Italia con repressione cinese

Pol/Luc

Roma, 11 nov. (askanews) - "L'escalation della violenza nelle proteste di Hong Kong è drammatica. E c'è una responsabilità anche di una grossa parte della comunità internazionale, che ha assunto una posizione di neutralità (chiamiamola così), che la rende complice. Primo tra tutti il nostro ministro degli Esteri Di Maio, il quale, nella sua recente visita a Pechino, si è ben guardato dal condannare la repressione cinese, rivendicando anzi una 'non interferenza' che umilia il nostro Paese e che lo schiera di fatto dalla parte sbagliata". Lo dichiara la presidente di Più Europa, Simona Viola.

"Invece di difendere la democrazia, i diritti civili e il diritto di manifestare, il nostro ministro degli Esteri trincera l'Italia dietro quella 'non interferenza' che da sempre è invocata e pretesa dai regimi autoritari o totalitari per - conclude Simona Viola - avere mano libera contro i propri cittadini".