Hong Kong, Ferrara (M5s): coerenti su non ingerenza e condanna violenze

Pol/Luc

Roma, 25 nov. (askanews) - "Destano stupore le parole di Joshua Wong contro il nostro ministro degli Esteri, dal quale il giovane attivista forse si aspettava un'ingerenza negli affari interni di un altro Paese, ignorando che questo, oltre ad essere contrario alla buona diplomazia, è assolutamente contrario ai princìpi del Movimento 5 Stelle guidato da Luigi Di Maio". Lo dichiara il capogruppo M5S nella Commissione Esteri di Palazzo Madama, senatore Gianluca Ferrara.

"Una non-ingerenza che il nostro Movimento - prosegue Ferrara - ha mostrato con coerenza in tutte le crisi internazionali, mentre altri si affettavano a riconoscere golpisti e ribelli di ogni risma purché funzionale a certi interessi, invocando sempre il rispetto della legalità e dei diritti umani. A Hong Kong ci sono state violenze sia da parte delle forze di polizia, che per inciso non ci risultano avere mezzi italiani bensì tedeschi, sia da parte dei manifestanti, tanto da suscitare una formale condanna dell'Alto commissario Onu per i diritti umani. Ci auguriamo - conclude il capogruppo M5S - che la crisi politica di Hong Kong si risolva per via pacifica e democratica, senza ulteriore ricorso a violenze e a strumentalizzazioni".