A Hong Kong frecce sugli agenti, che minacciano di sparare. Studenti assediati al Politecnico

HuffPost
A protestor prepares to fire a bow and arrow during a confrontation with police at the Hong Kong Polytechnic University in Hong Kong, Sunday, Nov. 17, 2019. (AP Photo/Kin Cheung)

La battaglia di Hong Kong si concentra in queste ore attorno al Polytechnic University di Kowloon, con gli studenti asserragliati e armati di un curioso arsenale fai da te, fatto di frecce e catapulte, e sotto l’assedio della polizia. E dopo che un agente è stato trafitto al polpaccio proprio da una freccia scoccata da un dimostrante, la polizia ha minacciato il ricorso a “colpi di arma da fuoco” se gli agenti dovessero continuare a misurarsi con manifestanti che hanno “armi letali”.

La mossa, senza precedenti in quasi sei mesi di proteste e annunciata dal portavoce Louis Lau su Facebook, è maturata nel mezzo della nuova ondata di violenti scontri cominciati lunedì.

Dopo una giornata di tregua, la tensione è tornata altissima e ha visto l’epicentro al Politecnico, diventato un castello fortificato dagli attivisti pro-democrazia, non ancora espugnato nella notte nonostante l’assedio di molte ore e gli assalti ripetutamente falliti da parte delle forze dell’ordine schierate con ogni attrezzatura in dotazione. Gli studenti asserragliati hanno fatto ricorso a tattiche di difesa medievali: fortificazioni, arco e frecce, balestre e catapulte per lanciare quanto più lontano le molotov.

Sui social media è diventato virale lo sfondamento tentato in serata dalla polizia della barricata sul ponte di Cheong Wan Road, una delle porte di accesso al campus, ma il mezzo blindato usato come ariete ha dovuto battere in ritirata dopo essersi trasformato in una torcia per le molotov lanciate da distanza.
I cannoni ad acqua e i mezzi pesanti non hanno sbloccato la situazione e la violenza è andata avanti per ore. Ai lacrimogeni degli agenti, gli studenti hanno risposto lanciando mattoni, molotov e oggetti contundenti. Uno stallo che è andato avanti per ore, mentre la polizia ha cominciato a isolare la zona.
La situazione è “in rapido deterioramento”, ha accertato la polizia su Facebook, condannando l’episodio. “Chiediamo a tutti i cittadini di non...

Continua a leggere su HuffPost