A Hong Kong idranti con l’acqua blu per identificare manifestanti

A Hong Kong idranti con l’acqua blu per identificare manifestanti

Hong Kong, 1 ott. (askanews) – A Hong Kong la polizia spara con gli idranti acqua blu sui manifestanti per identificarli e facilitare poi gli arresti. Un mezzo per cercare, finora inutilmente, le proteste che da mesi vanno in scena contro le ingerenze del governo di Pechino, proteste esplose nel giorno in cui la Cina festeggia i 70 anni della Repubblica popolare.

In numerosi quartieri della città si sono fronteggiati agenti e manifestanti, fra gas lacrimogeni, proiettili di gomma e idranti in risposta a lanci di pietre e molotov. Si contano 31 feriti, di cui due in condizioni critiche, compreso un attivista di 18 anni a cui un poliziotto ha sparato al torace a bruciapelo.