## Hong Kong, ieri 148 arresti, Cina: non scherzate col fuoco -2-

Coa

Roma, 6 ago. (askanews) - Intanto, il portavoce della Cina ha ribadito il sostegno del governo centrale a Carrie Lam, leader del governo locale, e alla polizia di Hong Kong, impegnata nel tentativo di resprimere le proteste. Ieri Lam ha accusato i manifestanti di avere tentato di "distruggere" la megalopoli asiatica, di voler "rovesciare Hong Kong, di distruggere completamente le preziose vite di oltre sette milioni di persone". Nelle stesse ore, la polizia lanciava lacrimogeni contro gli attivisti più esagitati e arrestava almeno 148 persone.

Una linea dura che, nelle ultime settimane, è stata più volte sollecitata dal governo di Pechino, e che ancora oggi è stata ribadita da chi a Pechino spinge per soluzioni drastiche alla crisi. "Deve essere molto chiaro al ristretto gruppo di criminali violenti e senza scrupoli e alle forze disgustose dietro di loro" a Hong Kong che "coloro che giocano con il fuoco moriranno per il fuoco", ha detto Yang Guang, assicurando che "alla fine" queste persone "saranno punite". (Segue)