Hong Kong, leader protesta: vogliamo democrazia, non indipendenza -2-

Mos

Roma, 20 set. (askanews) - Le proteste a Hong Kong sono iniziate alcuni mesi fa, dopo che l'amministrazione della Chief Executive Carrie Lam ha tentato di far approvare una legge sull'estradizione che, nelle paure dei dimostranti, avrebbe consentito a Pechino di mettere le mani sui dissidenti.

Lam ha, in seguito, congelato e dichiarato morta la legge, ma i contestatori temono che, una volta spenti i fari su Hong Kong, la norma possa essere ripresentata. Peraltro la protesta ha ormai assunto una portata superiore, diventando una protesta per la democrazia e contro la sempre maggiore pervasività di Pechino. (Segue)