Hong Kong, manifestanti organizzano punto stampa "a viso coperto"

Coa

Roma, 6 ago. (askanews) - Manifestanti con il volto coperto hanno organizzato oggi a Hong Kong la loro prima "conferenza stampa civile", in risposta al briefing del governo centrale cinese durante il quale Pechino ha lanciato un duro avvertimento agli attivisti per la democrazia nell'ex colonia britannica: "chi gioca con il fuoco muore bruciato".

"Abbiamo dato il via alla conferenza stampa dei cittadini, per portare al pubblico la voce inascoltata del popolo e per evidenziare le ripetute condanne e la retorica vuota presentata dal governo", ha detto uno dei partecipanti, non identificato, con il volto coperto e accompagnato da un traduttore della lingua dei segni, secondo quanto si legge sulla stampa internazionale.