Hong Kong: i manifestanti prendono di mira la metropolitana

Hong Kong: i manifestanti prendono di mira la metropolitana

Hong Kong, 2 set. (askanews) – I manifestanti pro-democrazia di Hong Kong hanno nuovamente tentato di interrompere la circolazione dei treni della metropolitana della ex colonia britannica, chiedendo anche uno sciopero generale dopo un fine settimana caratterizzato da gravi violenze.

I manifestanti, vestiti di nero, il colore simbolico del movimento, hanno di nuovo preso di mira l’Mtr, il sistema della metropolitana, cruciale per il funzionamento di Hong Kong, bloccando le porte dei treni in alcune stazioni per impedire ai convogli di partire.

L’entità dei disagi provocati, tuttavia, non era paragonabile al caos del 5 agosto, quando le operazioni di blocco avevano paralizzato per alcune ore l’intera rete.

Le autorità di Hong Kong intanto hanno autorizzato due nuove manifestazioni, mentre diversi movimenti di opposizione hanno lanciato un appello allo sciopero generale.

L’ex colonia britannica sta vivendo la sua peggiore crisi politica da tre mesi dalla sua restituzione alla Cina nel 1997, con azioni quasi quotidiane che denunciano la crescente interferenza della Cina negli affari interni della sua regione semi-autonoma.