Hong Kong, Pompeo contro Pechino: "Non staremo a guardare"

webinfo@adnkronos.com

"La decisione del Partito Comunista Cinese di imporre la draconiana legislazione sulla sicurezza nazionale a Hong Kong distrugge l'autonomia del territorio e uno dei più grandi risultati della Cina". A dichiararlo è stato il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, all'indomani dell'approvazione della contestata legge da parte di Pechino. Gli Stati Uniti, ha aggiunto, "non staranno a guardare" mentre Pechino impone il suo "morso autoritario" sul territorio semiautonomo. 

Intanto, Taipei apre un ufficio incaricato di assistere i cittadini di Hong Kong che intendano chiedere asilo e trasferirsi a Taiwan. Un ufficio attraverso il quale, ha tenuto a sottolineare nel corso della cerimonia di inaugurazione il ministro dell'Interno Chen Ming-tong, Taiwan potrà esprimere e manifestare il proprio appoggio alla democrazia e alla libertà a Hong Kong. I cittadini di Hong Kong che vorranno richiedere l'asilo politico, potranno farlo presso il nuovo ufficio nel quadro delle leggi sui diritti umani in vigore a Taiwan, ha sottolineato.