Hong Kong, prestito ponte per Cathay Pacific prolungato di un anno

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 8 giu. (askanews) - L'amministrazione di Hong Kong ha prolungato il periodo in cui la compagnia di bandiera Cathay Pacific, in crisi dopo lo sviluppo della pandemia Covid-19, potrà accedere al prestito-ponte da 7,8 miliardi di dollari di HK (825,6 milioni di euro) messo in campo come misura di salvataggio. Lo segnala il South China Morning Post.

Il prestito ponte è stato pensato come misura per garantire l'operatività, nell'ambito di una ricapitalizzazione da 39 miliardi (4,1 miliardi di euro) prevista per il vettore hongkonghese. Per finanziare l'operazione è anche prevista l'emissione di obbligazioni per 11,7 miliardi di dollari di HK (1,2 miliardi di euro) e la sottoscrizione da parte dell'amministrazione di azioni preferenziali per il resto della ricapitalizzazione.

Finora la Cathay non ha ancora messo mano al prestito ponte negli ultimi 12 mesi grazie a una serie di misure di risparmio per garantire la liquidità, secondo quanto ha riferito l'amministratore delegato Augustus Tang.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli