Hong Kong, sale tensione, arrestati tre leader pro-democrazia -4-

Bea

Roma, 30 ago. (askanews) - Wong e Chow sono stati i leader studenteschi delle proteste del 2014. Wong è stato rilasciato a giugno dal carcere dove scontava una pena di due mesi per il suo ruolo in quelle proteste. Nessuno dei due ha avuto un ruolo centrale nelle attuali proteste, un movimento in gran parte senza leader organizzato tramite i social media. Ha partecipato alle proteste e ha parlato spesso a sostegno delle richieste dei manifestanti. Anche Chow ha partecipato a recenti dimostrazioni e mantiene un account di social media attivo a sostegno delle proteste, ma per il resto ha mantenuto un profilo relativamente basso.

Nathan Law, un altro ex leader studentesco e presidente fondatore di Demosisto, ha criticato ciò che ha affermato essere il tentativo del governo di dare la colpa delle proteste a "burattinai" dietro le quinte. "Non c'è leader o piattaforma in questo movimento. Se qualcosa spinge i cittadini ad andare in piazza, è la dura violenza politica di Carrie Lam. Ogni cittadino di Hong Kong che ha protestato lo ha fatto in base alla propria coscienza. Non conta che il Partito Comunista Cinese tenti di diffamare, nulla può cambiare questa realtà". "Facciamo appello all'opinione pubblice affinché non abbia paura della violenza politica e del terrore bianco e continuiamo a lottare per i propri diritti", ha affermato in una nota. "Gente di Hong Kong, andiamo!". (Segue)