A Hong Kong spaventa la ‘Tempesta perfetta’ dei tre anniversari

·1 minuto per la lettura
LONDON, UNITED KINGDOM - JUNE 12: People gather at Parliament Square during a rally in support of Hong Kong and against China on the 2nd anniversary of the June 12 Hong Kong protest in London, United Kingdom on June 12, 2021. (Photo by Hasan Esen/Anadolu Agency via Getty Images) (Photo: Anadolu Agency via Anadolu Agency via Getty Images)
LONDON, UNITED KINGDOM - JUNE 12: People gather at Parliament Square during a rally in support of Hong Kong and against China on the 2nd anniversary of the June 12 Hong Kong protest in London, United Kingdom on June 12, 2021. (Photo by Hasan Esen/Anadolu Agency via Getty Images) (Photo: Anadolu Agency via Anadolu Agency via Getty Images)

Una “tempesta perfetta” che non si verificava da un secolo. Tra oggi e domani, ben tre anniversari “storici”, evocano ricordi che la maggioranza dei cittadini di Hong Kong preferirebbero dimenticare. E le autorità dell’ex colonia britannica sono ben consapevoli del potenziale esplosivo di questo “accumulo” di ricorrenze, tanto da avere dato l’ordine di dispiegare oltre 10.000 uomini per blindare la città e tutti i possibili luoghi di aggregazione del territorio, cominciando dall’iconico e centralissimo Victoria Park, luogo simbolo delle manifestazioni di protesta anti-Pechino e pro-democrazia dell’estate del 2019. E per non lasciare nulla al caso, hanno anche pensato bene di vietare le richieste, avanzata da tre coraggiose associazioni che riuniscono quel che resta dell’opposizione politica e ideologica a Pechino nella città – per una marcia da tenersi domani, 1° luglio, contro “la repressione in atto e per il rilascio di tutti i detenuti politici “: autorizzazione negata senza nemmeno pensarci su troppo, ovviamente, con la scusa dei timori per la possibile diffusione del Covid.

Questo il quadro “celebrativo”: 1° luglio 1921, 100 anni fa, a Shanghai, nasceva il PCC, l’odiato (almeno a Hong Kong) Partito Comunista Cinese, dando il via a quella dittatura del “partito unico” che continua ancora oggi; 1° luglio 1997, 24 anni fa Hong Kong tornava sotto la sovranità di Pechino e si chiudevano oltre 150 anni di storia coloniale sotto la Gran Bretagna; 30 giugno 2020, esattamente un anno fa, l’anniversario” più odiato a Hong Kong quando, per soffocare con la più severa repressione una stagione di manifestazioni oceaniche pro-democrazia, la Cina imponeva la legge liberticida della “Sicurezza Nazionale”, che ad oggi ha portato all’azzeramento dell’opposizione democratica nel ...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli