Hong Kong vieta le mascherine ai cortei

webinfo@adnkronos.com

Il capo dell'esecutivo di Hong Kong Carrie Lam ha annunciato oggi il divieto per i manifestanti di indossare qualsiasi tipo di maschera in occasione delle "manifestazioni illegali e non autorizzate". Un giro di vite che ha nel mirino il movimento pro-democrazia che da quasi 4 mesi sta scuotendo la città. La legge, approvata grazie a un ordinamento dell'era coloniale che ha non veniva utilizzato da oltre mezzo secolo, entrerà in vigore sabato 5 ottobre e, riferisce il South China Morning Post, prevede fino a un anno di carcere e multe da tremila dollari per i trasgressori. 

"L'ordine pubblico ad Hong Kong è gravemente minacciato e il divieto di indossare maschere contribuirà a mettere fine alle proteste violente", ha detto il segretario alla Sicurezza John Lee, commentando la decisione.  

"Il governo ha preso in dovuta considerazione le leggi sui diritti umani tutelate dalla Legge fondamentale. Queste tutele non sono assolute", ha osservato. "Vietare l'uso di maschere che coprono il viso impedirà alla gente di violare la legge. Non è irragionevole. Noi vediamo che l'ordine pubblico a Hong Kong è gravemente minacciato. Alcuni hanno agito in modo violento, molto violento e pertanto ora tutti, giornalisti, cittadini e polizia sono in pericolo".  

Hong Kong, Joshua Wong: "Mi candido alle elezioni"  

Heather Parisi a Hong Kong: "A Pechino bevono champagne, qui si spara"