Huawei intenta causa a Usa, “non siamo una minaccia a sicurezza”

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

New York, 9 feb. (askanews) - Huawei ha avviato una causa contro la Federal communications commission (Fcc) degli Stati Uniti per aver indicato la società cinese come una minaccia per la sicurezza nazionale. La causa presentata alla Corte d'appello del Quinto circuito chiede la revisione della sentenza della Commissione federale delle comunicazioni che, tra l'altro, impedisce agli operatori statunitensi di Tlc di lavorare con il gruppo cinese.

Huawei è impegnata in diverse controversie legali negli Stati Uniti, ma nei documenti presentati lunedì definisce la sentenza della Fcc "arbitraria e un abuso di discrezione, non supportata da prove sostanziali".

L'amministrazione Trump ha assunto una posizione aggressiva verso il gigante della comunicazione cinese e ha impedito alla società di accedere alla tecnologia americana e acquistare i chip necessari al funzionamento delle sue apparecchiature.

La Fcc ha dichiarato che la designazione di Huawei come minaccia nazionale è supportata "da un corpo sostanziale di prove sviluppate anche da numerose agenzie di sicurezza nazionale statunitensi".