"Humans save the sea", il cinema italiano dice no alla plastica

Gtu

Roma, 22 ott. (askanews) - Il mondo del cinema italiano ha risposto all'appello "Humans Save The Sea", e ha didichiarato di essere pronto ad impegnarsi per l'eliminazione dell'uso delle plastiche in tutta la propria filiera industriale, dalla produzione, alla distribuzione, all'esercizio. Per ufficializzare pubblicamente l'adesione ha scelto uno degli eventi di riferimento della cinematografia internazionale: la Festa del Cinema di Roma.

"Humans Save The Sea" è un progetto ideato da Gianni Chimenti e Paola Deiana con il contributo di Alberto Luca Recchi, sviluppato in stretta collaborazione con l'associazione ambientalista Marevivo, patrocinato dal Ministero dell'Ambiente, dalla Fondazione Cinema per Roma, dall'Anec, dall'Anem, dall'Anica, dall'Ente David di Donatello e dall'Agiscuola e sostenuto da MYmovies ed Escape Land, presentato oggi alla Casa del Cinema, alla presenza di Sergio Costa, ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, di Francesco Rutelli, presidente Anica e presidente del Centro per un futuro sostenibile, di Mario Lorini, presidente Anec, di Rosalba Giugni, presidente Marevivo Onlus, di Alberto Luca Recchi, giornalista e scrittore e di Gianni Chimenti, ideatore del progetto.

"Oggi è necessaria una rivoluzione ambientale e culturale gentile - ha sottolineato il ministro dell'Ambiente, Sergio Costa - per cambiare i nostri sistemi di produzione e consumo e contribuire attivamente alla difesa del pianeta e delle sue preziose risorse, come il mare. Il progetto 'Humans Save the Sea' va in questa direzione, utilizzando un mezzo d'impatto come il cinema e coinvolgendo le giovani generazioni, il nostro futuro e la nostra speranza. Il governo sta già facendo la sua parte, con la legge 'Salvamare', per esempio, in discussione alla Camera: un provvedimento con il quale si ripulirà il mare dalla plastica con alleati eccezionali come i pescatori. Ma occorre l'apporto di tutti. Perché le grandi battaglie si vincono insieme".(Segue)