“Hyper silent” è il nuovo singolo di Davide Locatelli

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 4 giu. (askanews) - Oggi esce "Hyper silent", il nuovo singolo del giovane pianista e compositore Davide Locatelli che anticipa l'album "This is dave" (Sony Music) in uscita l'11 giugno. "Questa canzone è nata ad agosto 2020 sotto le stelle di Montalcino in Toscana - racconta Davide Locatelli. Ero in vacanza con amici, e mi sono portato il pianoforte per farmi ispirare da una terra mai esplorata prima. Durante le notti stellate suonavo e componevo nella solitudine e nel silenzio più totale. Hyper Silent nasce così, dal bisogno di ricerca di nuovi luoghi che nel proprio inconscio rievocano delle sensazione messe in musica"

"This is Dave" è composto da 13 tracce per solo pianoforte, tra inediti e cover rielaborate in chiave elettronica. Il titolo dell'album rispecchia l'immagine dell'artista che dapprima si è fatto conoscere sul web pubblicando settimanalmente cover di brani celebri (da "Bad Guy" di Billie Eilish ad "American Idiot" dei Green Day, passando per i Linkin Park), per poi far conoscere la propria musica con brani inediti.

"Da quando ho iniziato a postare video sul web, era il 2012, ho sempre avuto uno ed un unico scopo: avvicinare i giovani alla musica. Con questo album voglio dimostrare che la musica per pianoforte non è solo per i ''Maestri del Conservatorio'' e gli esperti di musica, ma anche per la gente comune che non ha mai schiacciato uno degli 88 tasti. ''This is Dave'' non è solo un album ma un concetto, quello di voler bruciare il confine tra musica classica e musica moderna. Musica è sentirsi vivi... e io ora mi sento vivo".

Eclettico, originale, fuori dagli schemi, Davide, che vanta una formazione classica al Conservatorio ma che ha ottenuto numerosi riconosciementi e ha partecipato a importanti trasmissioni televisive, si è posto come obbiettivo quello di far conoscere e avvicinare la musica strumentale ad un pubblico giovane facendo crollare la convinzione che la musica classica sia "vecchia".