Hyundai, piano al 2040 per una società all’idrogeno

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 7 set. (askanews) - Con il piano Hydrogen Vision 2040, Hyundai delinea la sua visione di una società a idrogeno. Presentato in occasione del forum globale online Hydrogen Wave, il piano di Hyundai prevede una "ondata" di nuovi prodotti e tecnologie per rendere l'idrogeno disponibile per "tutto, tutti e ovunque".

"Sviluppando tecnologie avanzate e sistemi innovativi - oltre a incoraggiare una stretta collaborazione tra i settori pubblico e privato in tutto il mondo - è possibile rendere questa visione sostenibile una realtà per tutti", ha detto il presidente di Hyundai, Euisun Chung.

Il primo step sarà nel 2023 quando Hyundai lancerà un sistema di celle a combustibile di nuova generazione - da 100kW e 200kW - con costi ridotti di oltre il 50%, un volume totale del pacco ridotto del 30% e una potenza raddoppiata. Entro il 2028 il gruppo Hyundai diventerà il primo costruttore automobilistico ad applicare il suo sistema di celle a combustibile su tutti i modelli di veicoli commerciali, mentre entro il 2030, il gruppo sarà in grado di raggiungere per un veicolo elettrico a celle a combustibile (FCEV) un prezzo paragonabile a quello di un veicolo elettrico a batteria (BEV).

Hyundai applicherà i sistemi di celle a combustibile a tutti i tipi di mobilità e promuoverà la diffusione della tecnologia in altri aspetti della società, comprese case, edifici e centrali elettriche. Durante il forum Hyundai ha svelato i concept di prodotto con tecnologie a celle a combustibile, tra cui il Trailer Drone con mille km di autonomia, l'auto sportiva ad alte prestazioni Vision FK con 500kW per uno 0-100 in meno di 4 secondi e fino a 600 km di autonomia, e veicoli per il soccorso e salvataggio di emergenza.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli