I PIN da evitare

Quali sono i Pin più facili da scoprire per un hacker e quali quelli invece più difficili? Il sito web DataGenetics.com ha pubblicato una statistica da cui emerge che, in una combinazione di quattro cifre da 1 a 9, non è affatto indifferente quale scegliamo. In qualsiasi film di spionaggio del resto, il perfetto 007 è quello che riesce a passare inosservato in quanto appare il più possibile “normale”. La password in assoluto più utilizzata è 1234, con una frequenza del 10,713%. Al secondo posto 1111 con il 6% e al terzo 0000 con l’1,9%.
 
Il matematico, un semplice esperto di “calcoli” o un esploratore dell’infinito?

Su un totale di 10.000 possibili combinazioni le 20 più utilizzate (tra cui 1212, 7777 e 4444) sono scelte dal 26,83% delle persone. Segno evidente che non si tratta di una scelta casuale: se così fosse, ciascuna combinazione corrisponderebbe soltanto allo 0,2% di probabilità. Ma soprattutto, significa che a un hacker o a un ladro bastano 20 tentativi per avere più di una possibilità su quattro di indovinare la combinazione.Quali sono invece i Pin più difficili da indovinare? Dalla ricerca di DataGenetics.com, emerge che quello in assoluto meno frequente è 8068, che ricorre soltanto in 25 casi su 3.4 milioni, cioè lo 0,000744%.
 
Premi Nobel 2012, la chimica dell’adrenalina spalanca il mondo dei biosegnali
 
In fondo alla classifica ci sono anche 8093, 9629, 6835, 7637, 0738 …
Un consiglio spassionato: dopo avere letto questo articolo, non correte a cambiare tutti quanti la vostra password in 8068. Anche gli hacker possono partire da questo numero anziché dal più comune 1234. L’ideale sarebbe scegliere le cifre della password sorteggiandole a caso, lanciando i dadi (che però hanno solo sei facce) o con altri meccanismi simili. E’ sconsigliato invece utilizzare gli anni di un anniversario, come 1967, 1956, 1988, e tutti quelli che iniziano per 19. Per esempio, ogni 100 Pin con 1972, ce ne sono 33 con 1472, 29 con 7272 e solo 3 con 9672.
 
Il Nobel a Yamanaka e la scoperta delle cellule che ritornano “bambine”

Sequestri 2.0, riscatto per i dati rubati: è il "ransomware"

Ricerca

Le notizie del giorno