Ice: rinviate le scadenze doganali per i prodotti importati in Gb

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 16 set. (askanews) - Il governo britannico ha deciso di ritardare ulteriormente alcuni elementi dei nuovi controlli, in particolar modo quelli relativi ai certificati sanitari e fitosanitari e ai controlli presso i punti di ingresso frontalieri (BCP) nella fase post-Brexit.

L'Agenzia Ice fornisce chiarimenti sui prodotti e i controlli imposti in base alle nuove scadenze.

I prodotti biologici importati in Gran Bretagna dall'UE richiederanno un certificato di ispezione (COI) dall'1 luglio 2022, invece che dall'1 gennaio 2022, come inizialmente previsto. Per le piante e i prodotti vegetali regolamentati importati in Gran Bretagna dall'UE a partire dalla stessa data, l'1 luglio 2022, dovranno essere accompagnati da un certificato fitosanitario. La scadenza iniziale era stata fissata per l'inizio del prossimo anno. Per le piante e prodotti vegetali ad alta priorità i controlli fisici e d'identità avranno luogo presso i posti di controllo frontalieri in Gran Bretagna (BCP), anziché a destinazione, da luglio 2022.

Per quanto riguarda le partite di pesce, queste richiederanno un certificato sanitario a partire dall'1 luglio 2022 invece che dall'1 ottobre 2021. Inoltre, dovranno entrare presso un punto d'ingresso con posto di controllo frontaliero.

Nel settore vitivinicolo, i certificati VI-1 del Regno Unito non sono richiesti per il vino UE importato in Gran Bretagna (Inghilterra, Scozia e Galles) fino all'1 luglio 2022, tuttavia, il governo aveva annunciato l'intenzione di rimuovere i requisiti di certificazione VI-1 per il vino importato.

Alimenti e mangimi ad alto rischio non di origine animale, per questo genere di importazioni da luglio del prossimo anno dovranno essere pre-notificate sul sistema IPAFFS dall'importatore, essere accompagnate da un certificato sanitario, entrare in Gran Bretagna attraverso un posto di controllo frontaliero (BCP) in modo che possano essere sottoposti a controlli documentali e, se necessario, di identità e fisici.

Dall'1 luglio 2022, i prodotti di origine animale (SOA) esportati dall'Ue nel Regno unito devono essere pre-notificate sul sistema IPAFFS dall'importatore, essere accompagnate da un certificato sanitario, inizialmente previsto da ottobre 2021), e nel caso in cui non fosse disponibile un certificato sanitario per la merce, è necessario contattate APHA, perché le merci possono viaggiare sotto licenza e con documento commerciale. I SOA devono entrare in Gran Bretagna attraverso un punto di ingresso stabilito con un posto di controllo frontaliero appropriato (BCP).

Gli animali vivi devono entrare in Gran Bretagna presso un posto di controllo frontaliero (BCP) dall'1 luglio 2022 per controlli documentali, d'identità e fisici (annullata la scadenza originaria dell'1 marzo 2022).

I prodotti germinali devono entrare in Gran Bretagna presso un posto di controllo frontaliero (BCP) da luglio 2022 per controlli documentali, d'identità e fisici. Stessa scadenza per le merci POAO che devono entrare in Gran Bretagna dall'UE attraverso un posto di controllo frontaliero (BCP).

A partire dall'1 luglio 2022 (annullata la scadenza del 1° ottobre 2021) per esportare prodotti compositi dall'UE è necessario il certificato sanitario. Per la parte vegetale contenuta nei prodotti composti non è richiesto certificato fitosanitario.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli