Iconize, il dramma: "Ricevo minacce. Questa storia mi sta logorando"

·1 minuto per la lettura
Iconize lacrime
Iconize lacrime

Dopo aver chiesto scusa per aver finto un’aggressione omofoba ai suoi danni, Iconize è stato ospite di Barbara D’Urso dove ha spiegato i motivi del suo gesto.

Iconize: la finta aggressione

Nonostante Barbara D’Urso avesse detto di non voler invitare più Iconize nei suoi show televisivi, l’influencer – finito al centro del ciclone per la sua finta aggressione – ha spiegato proprio nel salotto tv i motivi per cui avrebbe compiuto il gesto ed ha affermato che a seguito del clamore suscitato dalla vicenda avrebbe anche ricevuto minacce dalla comunità LGBTQ:

“Stavo passando dei giorni molto brutti avevo un ex ragazzo molto violento nei miei confronti, che però amavo tanto. Lui non riusciva ad amarmi, accettare la sua sessualità e se stesso, non riusciva a dirlo nemmeno ai suoi amici e tanto meno riusciva ad accettare me. Da lui io ho subito sia violenze fisiche che psicologiche”, ha rivelato Iconize, aggiungendo anche di essere arrivato a procurarsi delle ferite come atto autolesionista. L’influencer ha smentito la storia del “surgelato” menzionata da Soleil Sorge (l’amica che a suo avviso lo avrebbe “venduto”) e ha affermato che questa storia lo starebbe logorando dentro, tanto da averlo spinto a chiedere aiuto a degli psicologi.

“Al tempo cercavo attenzioni, avevo pochi amici e le persone mi allontanavano perché stufe del mio stato d’animo. Sono arrivato a farmi del male in una sera di crisi totale e poi ho cambiato la verità”, ha concluso Iconize nel suo sfogo, trattenendo a stento le lacrime.