Ict: Romano (Huawei Italia), 'disparità di genere nei candidati lavoro'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 16 nov. (Adnkronos/Labitalia) – Lo ha confermato l'ultimo Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal: continua a permanere una notevole difficoltà per le aziende a reperire il personale di cui hanno bisogno. Anche nel settore informatica e telecomunicazione, 'affetto' anche da un carenza di presenza femminile. "Anche nei nostri processi di selezione in Italia -spiega ad Adnkronos/Labitalia Fabio Romano, Head of Industry Ecosystem Development di Huawei Italia- notiamo che c’è una certa disparità di genere soprattutto relativa ai candidati per le funzioni più tecniche e le professionalità legate alle competenze in ambito ingegneristico, mentre il gap tra uomini e donne si riduce per altre tipologie di lavori, come nell’ambito del project management e delle vendite".

"Comunque, notiamo con positività che sempre più ragazze stanno iniziando a partecipare alle nostre iniziative dedicate al recruiting dei profili più giovani, a dimostrazione del fatto che molto probabilmente il gender gap si sta pian piano riducendo con l’ingresso nel mondo del lavoro delle nuove generazioni, oggi più consapevoli, sia ragazzi che ragazze, delle opportunità professionali offerte dal settore tecnologico", prosegue Romano.

"E siamo certi che anche le diverse iniziative sviluppate da noi e tante altre aziende presenti nel settore tecnologico, stiano contribuendo in maniera decisiva a ridurre la disparità di genere nell’ambito dell’It e per la scelta dei percorsi formativi in ambito Stem da parte delle giovani italiane", aggiunge Romano, in occasione del terzo training del progetto 'Teach wih Her' lanciato da Huawei e Sda Bocconi, proprio per incrementare la presenza di donne nell'Ict.