Ictus cerebrale, si può prevenire modificando lo stile di vita

Cro-Mpd
·3 minuto per la lettura

Roma, 28 ott. (askanews) - Tieni sotto controllo pressione, colesterolo, glicemia e malattie cardiache (soprattutto fibrillazione atriale che causa il 20% degli ictus); non fumare, non consumare alcolici in eccesso e non fare uso di droghe; svolgi un'attività fisica moderata e costante; segui una dieta sana ed equilibrata riducendo il sale che aggiungi negli alimenti, monitora il tuo peso. Poche, semplici indicazioni che però sono fondamentali per la prevenzione dell'ictus cerebrale: modificare il proprio stile di vita, curando alcune patologie che ne possono essere causa, significa effettuare una prevenzione attiva alla portata di tutti, mettendo in atto tutte le strategie necessarie per evitare l'ictus e le sue conseguenze. Domani, 29 ottobre, si celebra, come ogni anno, la Giornata Mondiale contro l'Ictus Cerebrale e la World Stroke Organization ha voluto - per questa edizione 2020 - accendere i riflettori sul tema della prevenzione, lanciando l'hashtag #DontBeTheOne: "1 persona su 4 verrà colpita da ictus nel corso della propria vita, non essere tu quella persona", sottolineando il fatto che ben l'80% di tutti gli ictus può essere evitato, partendo dalla individuazione dei fattori di rischio sui quali ognuno di noi può intervenire. Bisogna per prima cosa distinguere tra prevenzione primaria, quella di soggetti che non hanno sofferto di eventi cerebrovascolari e prevenzione secondaria, mirata invece a prevenire un nuovo episodio in chi è stato già colpito da ictus. Alcuni dei fattori di rischio - quali ad esempio sesso, età e familiarità - non sono modificabili e non dipendono, quindi, dal comportamento del singolo; ma è anche vero che, fortunatamente, la maggior parte dei fattori di rischio ictus sono modificabili. Ecco qui di seguito i principali consigli: 1. Controllare periodicamente la pressione arteriosa, i valori di glicemia e colesterolemia, verificare l'eventuale presenza di fibrillazione atriale 2. Astenersi dal fumo 3. Non eccedere con il consumo di alcolici 4. Seguire la dieta mediterranea (ridurre il sale nei cibi ed evitare una dieta eccessivamente ricca di grassi di origine animale come i derivati del latte, carni grasse, salumi); 5. Svolgere regolare attività fisica (è sufficiente praticare abitualmente un moderato esercizio fisico, come camminare, fare le scale, ballare, andare in bicicletta o in piscina: attività praticabili a tutte le età). Chi ha già avuto un ictus cerebrale dovrebbe: Effettuare almeno 2 volte l'anno le visite di controllo programmate sia dal neurologo che da altri eventuali specialisti, come ad esempio il cardiologo Eseguire, dove richiesto dal neurologo, esami strumentali di controllo, tra cui l'Ecocolordoppler dei vasi del collo, il Doppler Transcranico e l'Ecocardiogramma La miglior prevenzione per eliminare i fattori di rischio elencati si basa soprattutto sull'adozione di corretti stili di vita: una dieta ipocalorica e iposodica, ad esempio, previene contemporaneamente il sovrappeso, l'ipertensione, il diabete e l'ipercolesterolemia, così come la cessazione dell'abitudine al fumo, all'alcool o sostanze stupefacenti riduce il rischio fino all''80%. In caso di ipertensione conclamata, la terapia suggerita dal medico avrà una grande importanza preventiva, così come nel caso di soggetti affetti da diabete (in cui il rischio è aumentato circa del 50%) o da altre malattie croniche come ad esempio la fibrillazione atriale. (segue)