Idealista: richiesta alloggi in affitto a studenti +176% su 2020

·1 minuto per la lettura
featured 1513853
featured 1513853

Milano, 16 set. (askanews) – Dopo essere stato duramente colpito dalla pandemia e dal conseguente ricorso alla didattica a distanza il mercato degli alloggi in affitto per studenti è protagonista di un rapido rimbalzo, con graduale diminuzione dell’offerta e un’attesa di canoni in risalita dopo il lieve calo rilevato finora nelle principali piazze. È quanto emerge da un’analisi del sito Idealista, che ha preso in esame 18.000 immobili di quasi tutte le province italiane, e ha notato che da agosto le visite agli annunci per stanze in affitto sono aumentate in media del 176% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Vincenzo De Tommaso, responsabile dell’Ufficio Studi di Idealista:

“Cercano essenzialmente la stanza singola e notiamo un maggiore interesse verso servizi come, per esempio, la sanificazione dell’aria o la domotica e un’attenzione al risparmio energetico, alla presenza di elettrodomestici”.

Lo studente è dunque diventato più selettivo, anche perché il Covid ha aumentato l’offerta di alloggi liberi, ma a fare il prezzo sembra essere ancora soprattutto l’attrattività della città.

“Milano è sicuramente per gli studenti e i giovani lavoratori il polo di massima attrazione italiano. Questo fa sì che i prezzi in città raggiungano una media di 464 euro per una stanza, che è il prezzo più alto che si può trovare in Italia, dove la media si attesta sui 352 euro per una stanza al mese”.

Seconda in classifica è Roma, dove la richiesta media per una stanza è di 407 euro mensili, seguita da Venezia con 378 euro, Firenze con 378 euro, Bergamo con 359 euro e Bologna con 358 euro. Reggio Calabria è invece la città più economica tra quelle analizzate e una stanza costa in media 184 euro al mese.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli