Ignazio Moser e Cecilia ancora vittime dei ladri: "Ma dove c**** viviamo?"

Ignazio Moser Cecilia ladri
Ignazio Moser Cecilia ladri

Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez sono stati ancora una volta vittime dei ladri. Lo sportivo, tramite una serie di Instagram Stories, si è lasciato andare ad un lungo sfogo, mostrando i danni che i malviventi hanno lasciato alla sua auto.

Ignazio Moser e Cecilia vittime dei ladri

Ancora una volta, Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez hanno ricevuto la visita dei ladri. Dopo essere stati derubati nel loro appartamento e essersi visti portare via lo scooter, è stata la volta dell’automobile. I malviventi, stando allo sfogo dello sportivo, hanno cercato di portare via il volante. Quando si sono accorti del suo arrivo, sono scappati. Moser, via social, ha tuonato:

“Non sto a rompermi i co****ni. Ma dove ca**o viviamo comunque?”.

Lo sfogo di Ignazio Moser

Tramite una serie di Instagram Stories, Ignazio ha tuonato:

“I miei cari amici ladri sono tornati a trovarmi perché gli mancavo. Mi hanno rotto il vetro e hanno iniziato a portarmi via il volante, poi sono arrivato e sono scappati. Non li ho visti ma penso che sia andata così”.

Moser è giustamente arrabbiato e mostra ai fan il vetro anteriore dello sportello del guidatore ridotto in frantumi. Nonostante tutto, Ignazio non si è lasciato abbattere e ha lanciato una frecciatina ai ladri.

La frecciatina ai ladri

Ignazio ha concluso:

“Allora io dico, visto che mi avete rubato in casa, avete rubato lo scooter e avete rubato in macchina: mettiamoci d’accordo. Passate una volta ogni quindici giorni, ogni mese e vi lascio qualcosina. In questo modo voi evitate lo sca** di far tutti questi casini e io evito di andare a cambiare le cose”

Stando alle immagini mostrate da Moser, questa volta i ladri sono entrati nel garage dove parcheggia la sua auto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli