Igor il Russo condannato all'ergastolo in Spagna

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
Photo By J.Escriche.POOL / Europa Press via Getty Images)
Photo By J.Escriche.POOL / Europa Press via Getty Images)

Norbert Feher, meglio conosciuto come Igor il Russo, è stato condannato in Spagna alla pena dell'ergastolo che potrà essere sospeso a determinate condizioni, nel suo caso, dopo 30 anni. 

L’uomo sconterà la pena per aver ucciso tre persone nel 2017 ad Aragona: l'allevatore, José Luis Iranzo, chiamato dalla polizia in quanto esperto della zona per guidare gli agenti della Guardia Civil, Victor Romero e Victor Caballero, alla ricerca del fuggitivo che pochi giorni prima aveva sparato a due abitanti della cittadina, salvi per miracolo.

Feher, secondo la giuria popolare, tese loro un agguato: prima uccise a colpi di pistola Iranzo, poi anche gli agenti Romero e Caballero. Fuggì a bordo dell’auto dell’allevatore e venne arrestato ore dopo. Per il tentato omicidio delle due persone vicino ad Andorra, una località dell'Aragona, è stato condannato a 21 anni.

Igor il Russo, nato in Serbia, si era rifugiato in quella zona della Spagna orientale dopo aver ucciso in Emilia-Romagna, mesi prima, il barista Davide Ferri e la guardia ecologica Valerio Verri. Per quei fatti, dopo i quali partì una massiccia caccia all’uomo delle forze dell’ordine italiane, Feher era stato condannato in appello all’ergastolo.

GUARDA ANCHE:Igor: "18 identità diverse in 8 paesi"

GUARDA ANCHE: Mandato di arresto europeo, come funziona e quali sono i problemi