"Igor il russo" ha ucciso tre persone prima di essere catturato

Gci/Sav

Roma, 15 dic. (askanews) - Tre persone sono decedute durante la cattura di Igor il russo in Spagna. A precisarlo sono i carabinieri del Comando Provinciale di Bologna che aggiungono che la cattura è avvenuta nella tarda serata di ieri dopo un conflitto a fuoco.

Le vittime, riferisce il quotidiano spagnolo El Pais, sono due agenti della Guardia Civil (Víctor Romero Pérez, 30 anni, e Víctor Jesús Caballero Espinosa, 38 anni) che facevano parte di una squadra del distaccamento di Alcaniz dedicata ad indagini sui furti nell'ambiente rurale, come fattorie o allevamenti di bestiame. Entrambi erano senza uniforme. La terza vittima è José Luis Iranzo, un proprietario di ranch che stava accompagnando i due agenti alla ricerca di un uomo che il 5 dicembre aveva assaltato una fattoria ad Albalate del Arzobispo e che aveva causato lesioni a due persone.

La località della cattura si trova nella zone di El Ventorrillo, tra le città di Terruel in Andorra ed Albalete del Arzobispo. La Procura di Bologna, coordinando i carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Bologna e Ferrara, precisa la nota dell'Arma, "aveva già da tempo avviato una domanda di rogatoria in Spagna, avendo avuto riscontro, a seguito delle indagini svolte, della presenza del latitante".

Le attività di ricerca del latitante che si erano estese anche in Serbia, Austria e Francia, mentre numerosi incontri di coordinamento si erano già avuti con le autorità di polizia spagnole sin dall'estate, "anche con trasferte ed attività tecniche e dinamiche direttamente svolte sul territorio spagnolo, di concerto con gli organi di polizia spagnoli. Attività - si conclude - sono state peraltro agevolate dalle attività di coordinamento di Eurojust e di supporto della Dcsa".