Il 15 settembre debutta in Italia la nuova serie Star Trek: Prodigy

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 13 set. (askanews) - Il 15 settembre debutta in Italia la nuova serie Star Trek: Prodigy. Inizialmente i primi due episodi si potranno vedere sia su Paramount+, il servizio streaming di Paramount Global, che su Nickelodeon, il brand per bambini e ragazzi di Paramount in onda sul canale 605 di Sky. I primi dieci episodi saranno subito disponibili su Paramount+, mentre su Nickelodeon andranno in onda due episodi a settimana. Prossimamente si aggiungeranno nuovi episodi per un totale di 40, che racconteranno una saga a trecentosessanta gradi, dove tutte le domande avranno una risposta.

Sviluppata dai vincitori dell'Emmy Award Kevin e Dan Hageman ("Trollhunters" e "Ninjago"), Star Trek: Prodigy è la prima serie animata della saga "Star Trek" rivolta a un pubblico più giovane. Le avventure intergalattiche seguono un equipaggio eterogeneo di giovani alieni che devono scappare dal loro crudele passato di schiavi. Dovranno imparare a fare squadra guardando avanti, verso le stelle, in cerca di speranza e salvezza, a bordo di un'astronave abbandonata della Federazione. Il loro viaggio li porterà fuori dal Quadrante Delta e oltre, dove incontreranno strane nuove vite e civiltà. Impareranno gli ideali della Flotta Stellare e cercheranno di trovare un futuro migliore per sé stessi dall'altra parte della galassia.

Paramount e Nickelodeon sono sempre alla ricerca di produzioni di altissimo livello, sia per quanto riguarda i contenuti sia per quanto riguarda le emozioni che possono generare. Star Trek: Prodigy esprime questi due obiettivi in quanto rappresenta un titolo nostalgico, per i genitori con un ritorno al passato, realizzato in un modo completamente moderno per una nuova generazione. Il co-viewing rimane sempre l'approccio principale per le produzioni firmate della casa americana, perché consente alle famiglie di condividere attivamente gusti e interessi in ciò che stanno guardando insieme.