Il 18 e 19 ottobre Autochtona racconta biodiversità vitigno Italia

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 28 set. (askanews) - Dai vitigni più noti e diffusi lungo lo stivale, portabandiera di denominazioni conosciute a livello internazionale, a quelli legati solo a piccoli areali, spesso salvati dall'estinzione grazie alla dedizione e all'impegno di appassionati vigneron. Il 18 e 19 ottobre a Fiera Bolzano, durante la 18esima edizione di Autochtona, il più ricco e articolato banco di assaggio dedicato ai vitigni autoctoni accoglierà wine lovers e professionisti provenienti da tutta Italia.

Il pubblico potrà percorrere un vero e proprio "Giro d'Italia" con il bicchiere in mano, grazie ai tanti vini ottenuti attraverso i numerosi vitigni autoctoni coltivati da nord a sud a dimostrazione dell'incredibile biodiversità presente lungo lo stivale.

Delle oltre 600 varietà registrate nel Catalogo Nazionale della Vite, la quasi totalità può essere considerata autoctona e in molti casi appartenente non solo a determinate regioni, quanto a specifici areali o microzone all'interno delle quali hanno trovato le condizioni ideali per donare tratti unici nei profumi e nei sapori.

Durante la due giorni, oltre al banco di assaggio è previsto un programma di masterclass su un tema, quello dei vitigni autoctoni, costantemente in fermento e sempre ricco di novità.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli