Il 2 maggio rimozione bomba della Seconda guerra mondiale a Segrate

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 28 apr. (askanews) - Durante lavori di scavo nell'area dello Scalo ferroviario di via Rivoltana 40 a Segrate (Milano) è stata trovata una bomba d'aereo risalente all'ultimo conflitto mondiale. Si tratta di un ordigno con due spolette armate, posizionato in una buca a circa due metri di profondità, lungo 94,5 centimetri, con diametro di 32,8 centimetri e del peso di 226 kg, contenente 105 kg di esplosivo Torpex, pari a 134,4 kg di Tnt. Lo hanno rilevato i militari del 10° Reggimento Genio Guastatori di Cremona che domenica 2 maggio rimuoveranno i dispositivi di innesco sul posto e successivamente trasporteranno l'ordigno neutralizzato nel sito di brillamento individuato presso l'area verde tra le vie Bruno Buozzi e Gaber.

Gli specialisti dell'Esercito hanno già provveduto a creare una struttura di contenimento intorno all'ordigno (c.d. camera di espansione) per ridurre i potenziali danni causati da un'esplosione accidentale, limitando così il raggio di sicurezza da m. 1386 a m. 447. Per eseguire in sicurezza le operazioni di "despolettamento", la zona dovrà essere totalmente evacuata, per un raggio di 447 metri, con conseguente blocco della circolazione stradale, ferroviaria e aerea ed interdizione delle aree verdi. Le attività sono state organizzate da tavoli tecnici, sanitario e di viabilità, coordinati dalla Prefettura, che hanno analizzato i rischi e predisposto le necessarie misure in appositi protocolli e pianificazioni.

La viabilità sarà gestita, secondo pianificazione, dal Compartimento della Polizia Stradale della Lombardia - Sezione Polizia Stradale di Milano, in raccordo con le Polizie locali dei territori interessati che ha individuato percorsi alternativi, anche per garantire il regolare flusso e deflusso dei cittadini che accedono al centro vaccinale di Novegro, totalmente operativo nel corso della giornata. L'evacuazione della popolazione all'interno della zona di sicurezza avrà inizio alle 7 e sarà completata entro le ore 9. Le operazioni riguarderanno 431 persone, corrispondenti a 181 nuclei familiari. Per l'assistenza alla popolazione, sono state individuate aree/strutture dedicate.