Il 23 e 24 giugno i paesi membri dovranno dare il loro parere sull’adesione dell’Ucraina

Ursula von der Leyen
Ursula von der Leyen

Di ritorno da Kiev e dal secondo incontro con Volodymyr Zelensky Ursula von der Leyen non ha perso tempo ed ha citato la “storica decisione” che attende l’Ue. Quale storica decisione? Quella per cui i prossimi 23 e 24 giugno i paesi membri dovranno dare il loro parere sull’adesione dell’Ucraina all’Unione Europea. E in occasione di quel vertice cruciale quei paesi, ha ammonito la presidente, dovranno “prendere una storica decisione”.

L’appello di Ursula von der Leyen

Il concetto la presidente della Commissione europea lo ha voluto ribadire rientrando in Polonia dalla missione a Kiev. Ha detto la Von der Leyen: “Spero che tra 20 anni, quando guarderemo indietro, potremo dire di aver fatto la cosa giusta”. La presidente della Commissione Ue punta all’unitarietà di intenti e posizioni ma sa che non sarà affatto facile, lei chiede una “posizione unitaria che rifletta la portata di questa storica decisione”.

Una road map molto stringente

Proprio a Kiev i colloqui con Zelensky avevano riguardato i punti ancora rimasti aperti della richiesta dell’adesione dell’Ucraina. C’è una road map stringente: entro la fine della prossima settimana la Commissione pubblicherà le sue raccomandazioni e poi ci sarà la due giorni per decidere. In chiosa Von der Leyen ha ribadito che l’Ucraina ha fatto molta strada negli ultimi anni, ma ancora rimangono cose da fare: “La nostra raccomandazione rifletterà attentamente questo”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli