Il 24 ottobre in 134 città torna la Camminata tra gli olivi

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 28 set. (askanews) - Camminare tra gli olivi per riaccendere i riflettori su un'emergenza dimenticata: l'abbandono degli uliveti. Domenica 24 ottobre in 134 città d'Italia si svolgerà la quinta edizione della Camminata tra gli olivi, promossa dall'Associazione nazionale Città dell'Olio con il patrocinio del mmnistero delle Politiche agricole alimentari e forestali e del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Quest'anno, sarà dedicata al tema del recupero degli uliveti abbandonati non solo finalizzato alla produzione di olio extravergine ma anche allo sviluppo del turismo dell'olio.

In una sola generazione, l'Italia ha perso più di un terreno agricolo su quattro e ha visto la scomparsa del 28% delle sue campagne (dati Coldiretti). Solo in Toscana sono 4 milioni gli olivi abbandonati e trascurati dal cui recupero si potrebbero generare un fatturato di 30-40 di euro in più di produzione di extravergine. Lo scorso anno Ismea ha messo all'asta ben 386 terreni agricoli abbandonati in tutta Italia: oltre 10mila ettari che si trovano soprattutto tra Sicilia e Calabria. Di fronte a questa situazione sono necessari investimenti e piani di sviluppo che tengano conto del nascente interesse dei turisti per il l'oleoturismo.

"La Camminata tra gli olivi è diventato un evento simbolo di ripartenza ma quest'anno vogliamo che sia anche un'occasione per rappropriarsi del paesaggio olivicolo e promuoverne il recupero e la valorizzazione", commenta Michele Sonnessa, presidente delle Città dell'Olio.

Quest'anno sono 16 le Regioni coinvolte nella Camminata tra gli olivi. La Toscana primeggia con 21 città aderenti, segue la Sardegna (17), la Liguria e Veneto (12).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli