Il 25 settembre a Washington “March for the Martyrs” su Afghanistan

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 2 set. (askanews) - Più di 340 milioni di persone nel mondo vengono perseguitate a causa della loro fede cristiana: si tratta del maggiore gruppo religioso perseguitato a livello mondiale. Per mostrare solidarietà, sensibilizzare e aumentare la consapevolezza riguardo a questa persecuzione, il prossimo 25 settembre 2021 si terrà a Washington, DC la seconda edizione dell'annuale March for the Martyrs.

E' la prima volta che la March for the Martyrs, promossa dall'associazione For the Martyrs, avrà luogo nella capitale americana.

"Sappiamo tutti cosa stia accadendo in Afghanistan in questo momento. I Cristiani vengono ricercati e uccisi. Questo succede in molti altri paesi del mondo ma poche persone ne sono a conoscenza. Questa è la ragione per cui abbiamo scelto di spostare la March for the Martyrs a Washington, DC" ha detto Gia Chacòn, presidente di For the Martyrs.

"Più di 1000 partecipanti, vestiti di rosso, marceranno per e con i Cristiani di tutte le denominazioni e con tutte le persone di buona volontà che vorranno partecipare", ha aggiunto Chacon. "Credo che dobbiamo essere tutti uniti per questa causa, come una sola voce; come il corpo di Cristo; per tutti gli Stati Uniti, come rappresentanti dei nostri fratelli e delle nostre sorelle perseguitate.

Il percorso della marcia partirà dal National Mall. Da qui, i partecipanti seguiranno un percorso che dal National Mall li porterà davanti alla White House per continuare fino al JW Marriott Hotel, dove si terrà la Night of the Martyrs (la Notte dei Martiri). Qui, i partecipanti potranno ascoltare sia le testimonianze di Cristiani che sono stati perseguitati per la loro fede, sia le testimonianze di chi si batte per la loro causa.

La persecuzione dei Cristiani è largamente ignorata dai media e spesso sottovalutata dalle stesse comunità di fedeli. Per questa ragione, la missione di For the Martyrs è quella di mettere la persecuzione cristiana al primo posto nella lotta per i diritti umani.

Oltre a Chacòn, parleranno all'evento: David Curry, presidente di Open Doors Usa; Bob Fu, fondatore di ChinaAid; Toufic Baaklini, presidente di In Defense of Christians; Rev. Johnnie Moore, ex commissario dalla International Religious Freedom; Allie Beth Stuckey, Sean Feucht, Fr.Benedict Kiely e molti altri ancora.

Per l'evento di quest'anno gli sponsor ufficiali saranno: Open Doors USA, In Defense of Christians, Liberty University's Freedom Center, Students for Life e The Catholic Connect Foundation.

"Il popolo di Gesù, di diverse origini ed estrazione, ha bisogno di manifestare unito per coloro che sono perseguitati, oppressi e assassinati a causa della loro fede in Cristo. La March for the Martyrs è il momento per far sentire la nostra voce", ha detto David Curry di Open Doors USA.

La Marcia per i Martiri ha fatto storia quando, il 5 settembre 2020, centinaia di cristiani di tutte le denominazioni hanno manifestato per dimostrare la loro solidarietà ai cristiani perseguitati nel mondo. Questa è stata, e continua tutt'oggi a essere, la prima e unica marcia su larga scala organizzata per i cristiani perseguitati.

L'evento è organizzato da For the Martyrs, una organizzazione non profit fondata nel 2019, i cui obiettivi sono: sensibilizzare l'opinione pubblica sulla situazione dei cristiani perseguitati; promuovere la libertà religiosa e fornire aiuto concreto ai cristiani oppressi in tutto il mondo.

Gia Chacòn è una motivational speaker e operatrice umanitaria, fondatrice e presidente di For the Martyrs. Ha iniziato a lavorare nel settore umanitario nel 2017 e da allora ha visitato l'America Centrale, l'Africa orientale e tutto il Medio Oriente.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli