Il 28% dei rider assaggia il cibo che consegna. Lo rivela un'indagine

Una ricerca condotta dall'azienda Us Foods negli Stati Uniti ha portato alla luce un dato piuttosto sconvolgente: quasi un terzo dei rider che porta pranzi e cene a domicilio assaggia il cibo che consegna.

L'indagine è stata svolta su un campione di 1500 soggetti, il 28% dei quali ha confessato di non essere sempre riuscito a resistere alla tentazione di gustare un po’ di quella pietanza o un goccio di quella bibita che ha poi consegnato all’ignaro consumatore.

LEGGI ANCHE: Privacy e dati personali, ecco come li usano le app di food delivery

La rivelazione a sorpresa non è stata presa esattamente bene dai clienti che ora pretendono che tanto le aziende di consegna a domicilio quanto i ristoranti trovino delle soluzioni anti-manomissione per il cibo, magari attraverso un packaging più sofisticato.

VIDEO - Poke House: la bowl hawaiana spopola fra i foodlover milanesi

Le lamentele dei rider

Se le conclusioni dell'indagine di Us Foods sono piuttosto scioccanti, da parte loro i rider hanno avuto di che lamentarsi rispetto all'atteggiamento dei clienti.

Al centro delle polemiche c'è la questione economica. Il 60% degli intervistati ha detto che la mancia lasciata loro dai clienti è spesso bassissima o inesistente. Eppure il 95% dei consumatori ha sostenuto di dare sempre un extra, magari attraverso la app.

LEGGI ANCHE: La protesta dei rider contro i vip: “Ecco chi non dà mai la mancia”