Il 30 giugno in arrivo le due grandi scadenze che spingono l’esecutivo a prorogare i termini

·2 minuto per la lettura
Il ministro Giorgetti
Il ministro Giorgetti

Con la scadenza del 30 giugno ormai in dirittura di arrivo è in arrivo un nuovo decreto che dovrebbe fissare lo stop a cartelle esattoriali ed ai licenziamenti. In economia sono i due temi caldi ed imminenti di questo primo scampolo di estate 2021 e il governo Draghi sta lavorando ad un decreto di proroga del termine. Per cosa? Per l’invio delle cartelle esattoriali ai cittadini e per prolungare la Cig Covid, specificatamente per alcuni settori in crisi, in primis il tessile. La Cig Covid andrebbe quindi a legarsi con il blocco dei licenziamenti.

Nuovo decreto di stop a cartelle esattoriali e licenziamenti: lo dicono le fonti del ministero

A dirlo sono fonti del ministero presieduto da Giancarlo Giorgetti che hanno “sussurrato” all’orecchio dei cronisti del Sole 24 Ore. Nel Decreto legge rientrerebbe anche il rifinanziamento della nuova Sabatini questo a contare che le risorse originarie sono al limite e che in più lo sportello per le domande è inattivo dal 2 giugno. Si parla di un provvedimento da poco meno di 3 miliardi e già in dirittura di arrivo per l’inizio della prossima settimana. La tempistica è fondamentale perché in Italia ci sono molte aziende che dal primo luglio potrebbero far scattare la rinnovata facoltà di licenziare.

Nuovo stop a cartelle esattoriali e licenziamenti: il nodo del fisco

E in termini di fisco? Il decreto Sostegni bis aveva bloccato fino a fine giugno i pagamenti su tutte le entrate tributarie e non tributarie affidati alla Riscossione. Parliamo di un blocco di tutti i pagamenti del periodo dall’8 marzo 2020. Erano pagamenti fermati con il decreto Cura Italia e via via confermati nello stop dai successivi decreti emergenziali. E il nuovo provvedimento andrebbe ad ulteriore proroga fino al 31 agosto. In buona sostanza si sta parlando di una misura “ponte” salvifica solo a metà, dato che rischia di fare massa critica con soluzioni di saldo univoche e massive per i cittadini che avevano chiesto una rateizzazione. Il rinvio delle cartelle riguarderà i soggetti Isa e le notifiche degli atti della Riscossione e dell’Agenzia delle Entrate dovrebbero quindi essere bloccate per tutto agosto.

Nuovo decreto di stop alle cartelle esattoriali: blocco dei licenziamenti verso la conferma

Ma quando riprenderanno? A scaglioni durante il 2022. Ma il 30 giugno c’è anche la questione cruciale del blocco dei licenziamenti. Il ministro Mise Giorgetti sta lavorando a un progetto di allungamento del blocco in tandem con una proroga della Cig fino al 31 ottobre. Tuttavia il prolungamento della cassa integrazione dovrebbe riguardare solo i settori più in crisi, come il tessile, il calzaturiero e il turismo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli