Il 4 gennaio torna in piazza popolo viola:”Berlusconi Presidente no”

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 27 dic. (askanews) - "Il Popolo viola torna in piazza per dire no a Berlusconi al Colle: il Parlamento ha un'enorme responsabilità" . Lo annuncia sul suo blog Gianfranco Mascia, uno degli animatori del movimento che fu fra gli animatori delle proteste di piazza del 2011 e del 2013 che accompagnarono prima la caduta del'ultimo Governo Berlusconi e due anni dopo al suo allontamento dal Senato. Mascia ora ci riprova a mobilitare la piazza contro Berlusconi, dando appuntamento in piazza Santi Apostoli a Roma martedì 4 gennaio alle 17, giorno in cui sarà anunciata la data dell'inizio delle votazioni per l'elezione del tredicesimo presidente della Repubblica italiana.

"Dove eravamo rimasti? Ah sì - scrive Mascia sul blog- era l'1 agosto 2013 stavamo davanti al Palazzo di Giustizia di Roma, in attesa che la Corte di Cassazione confermasse o meno la decisione di condanna della Corte di Appello a quattro anni di detenzione per Silvio Berlusconi, riguardo al processo Mediaset. Era uno degli ultimi presidi del Popolo Viola, il grande movimento di società civile che avevamo animato sin dal dicembre del 2009, a partire dalla grande manifestazione di piazza San Giovanni di Dio, il No Berlusconi Day che vide arrivare da tutta Italia una marea di persone che riempirono e colorarono il corteo e la manifestazione finale. Una di quelle iniziative di cittadinanza attiva che sono state il vero vaccino contro la deriva autoritaria e antidemocratica dei governi Berlusconi: il loro successo fu inappellabile, con buona pace di Alessandro Sallusti".

"Pensavamo - prosegue il coordinatore dei Viola- che il nostro compito di controllo democratico, con la condanna e la uscita di Berlusconi dalle istituzioni, fosse ormai terminato, ed invece siamo costretti a convocare ancora un presidio, dopo tutti questi anni: il 4 gennaio dalle 17 in poi a Roma, in piazza Santi Apostoli; è il giorno indicato dal Presidente Fico per stabilire il calendario dell'elezione del Presidente della Repubblica. Saremo ancora in piazza a causa della sempre più probabile candidatura di Silvio Berlusconi al più alto ruolo istituzionale italiano."

"Se noi il 4 gennaio - afferma Mascia - saremo in piazza Santi Apostoli dalle 17 con il nostro presidio è anche per sottolineare due aspetti fondamentali: - Che tra i mass-media italiani, fatta eccezione per Il Fatto con la sua petizione che ho prontamente firmato, in pochissimi sembrano considerare il fatto che esista una ineleggibilità morale e sociale del pregiudicato Silvio Berlusconi, al di là delle norme scritte, per ricoprire la carica di presidente della Repubblica - Per ricordare ai e alle parlamentari e grandi elettori e elettrici che saranno chiamati dal Presidente Fico a esprimere il proprio voto, che hanno una enorme responsabilità nelle loro mani: impedire che il nome più divisivo, più equivoco insomma più inopportuno, venga indicato come rappresentante della nostra istituzione più importante, ricordando che il Presidente della Repubblica deve rappresentare tutti noi cittadini italiani e non si può confondere il Quirinale con il Bunga Bunga", conclude Mascia

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli