Il 40enne è amministratore del canale Telegram “Stop Dittatura” e su Fb di “Napoli Non Si Piega"

·1 minuto per la lettura
Ugo Fuoco ricoverato con il Covid
Ugo Fuoco ricoverato con il Covid

Secondo quanto riportato da Open è stato identificato uno dei no vax che festeggiavano la morte di di David Sassoli: è Ugo Fuoco che ora, purtroppo perché solo i poveracci evocano il contrappasso, ha il Covid.

I gruppi amministrati da Ugo Fuoco, il No Vax individuato dalla Polizia per le offese social

Ma chi è Fuoco? Il 40enne è gestore del canale Telegram “Stop Dittatura” e amministratore su Fb di “Napoli Non Si Piega” ed a suo carico ci sono precise indagini di di Polposta per le offese social al Presidente del Parlamento Europeo scomparso da pochi giorni.

Ugo Fuoco, il No Vax che inneggiava alla morte di Sassoli e che parlava di “finta pandemia”

Nel chiedersi che fine abbia fatto Fuoco Open ripercorre la “crono” di alcuni dei post simbolo delle posizioni del 40enne, a cominciare da quello del 22 ottobre in cui parlava di “finta pandemia” o di quello del Capodanno 2022 in cui scriveva che “il Covid non esiste”. E i miti di Fuoco? I soliti totem della galassia no vax: il già medico Mariano Amici, la deputata Sara Cunial e compagnia complottando.

Il vocale di Ugo Fuoco, il No Vax che si è dovuto ricoverare per il Covid di cui negava l’esistenza

Poi lo scorso 11 gennaio, su Telegram viene caricato un vocale in cui Fuoco spiega: “Da undici giorni, con oggi, praticamente sono a letto con una febbre insomma sempre altissima, insomma, in media oltre i 39 e con una, chiamiamola, capacità respiratoria molto ridotta che mi impedisce anche di parlare senza, purtroppo ecco, appunto, senza purtroppo dover tossire”. Poi il 18 gennaio, Fuoco ha rivelato con una foto di essere ricoverato e necessitante di ossigeno.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli