Il 5 febbraio alle 10 flash mob del mondo della neve

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 3 feb. (askanews) - Campanili, campanacci e sirene dei battipista suoneranno all'unisono per un minuto venerdì 5 febbraio alle ore 10, nelle principali stazioni sciistiche di tutta Italia, per celebrare l'inizio dei Mondiali di sci di Cortina. Subito dopo il suono collettivo, ecco un flash mob che coinvolgerà, in ogni stazione sciistica, le autorità locali ed una rappresentanza di lavoratori della montagna. Un segnale per richiamare l'attenzione su un settore particolarmente falcidiato dalla pandemia, che ha tanta voglia di ricominciare.

Tra i campioni del mondo dello sci che aderiscono all'iniziativa: dall'attuale assessore regionale al Turismo, Marketing Territoriale, Moda e Design, Lara Magoni, vice campionessa mondiale (medaglia d'argento nello slalom speciale di Sestriere nel 1997, conquistata proprio il 5 febbraio), a Giorgio Rocca, vincitore di 3 medaglie di bronzo (slalom speciale a Saint Moritz 2003; slalom speciale, combinata a Bormio/Santa Caterina Valfurva 2005). Adesione anche da parte di Elena e Nadia Fanchini: la prima, vincitrice di un argento nella discesa libera a Bormio/Santa Caterina Valfurva 2005; la seconda, capace di conquistare il bronzo nella discesa libera a Val-d'Isère 2009 e l'argento nella discesa libera a Schladming nel 2013.

"L'idea è nata da una chiacchierata tra me e Marco Di Marco, direttore della rivista 'Sciare magazine' - da commentato in una nota Magoni -. Un'iniziativa che vuole sostenere le nostre montagne, da Nord a Sud, da Est a Ovest. Un patrimonio naturale, culturale, sportivo e turistico che merita di essere valorizzato dopo mesi di difficoltà, con un settore in crisi a causa della pandemia. 'Per chi suona la montagna' rappresenta un segnale per dire alle migliaia di persone che vivono nei territori montani che 'noi campioni dello sci' ci siamo e non vi abbandoneremo mai. La montagna è vita ed è un simbolo importante della nostra Italia".