Il 60% dei siriani soffre la fame

·2 minuto per la lettura

AGI - Oltre di 12 milioni di siriani, circa il 60% della popolazione, vivono in condizioni di insicurezza alimentare. A denunciarlo, in un comunicato distribuito alla stampa internazionale, è il Programma alimentare mondiale (Pam) delle Nazioni Unite. La crisi economica, la perdita di posti di lavoro a causa della pandemia di covid-19 e l'aumento dei prezzi dei prodotti alimentari hanno, secondo il Pam, aggravato la già difficile situazione dei siriani molti dei quali vivono “sfollati e logorati da un decennio di conflitto”. “La situazione non è mai stata peggiore.

Dopo dieci anni di conflitto, le famiglie siriane hanno esaurito i loro risparmi e affrontano una crisi economica a spirale”, ha affermato Sean O'Brien, rappresentante del Pam in Siria. Gli alimenti di base per sfamare una famiglia per un mese - pane, riso, lenticchie, olio e zucchero - ora costano almeno 120 mila sterline siriane (190 euro), una cifra che, secondo il Pam, “supera di gran lunga gli stipendi medi”. Nell'ultimo anno i prezzi del cibo di base è aumentato del 236%. In media, il prezzo del petrolio è aumentato da 1.000 lire siriane a gennaio 2020 a 5 mila lire siriane a gennaio 2021. 
    
“È allarmante che un semplice pasto sia fuori dalla portata di una normale famiglie e questi nuovi dati mostrano che senza supporto molte famiglie non hanno neppure un pasto al giorno e vanno a letto affamati. L'aiuto umanitario non è mai stato così cruciale”, ha affermato O'Brien. Secondo il Pam e i suoi partner, il numero di persone che soffrono di grave insicurezza alimentare - il che significa che non possono sopravvivere senza assistenza alimentare - è raddoppiato in un solo anno, raggiungendo 1,3 milioni di persone. A meno che non venga intrapresa un'azione urgente, altri 1,8 milioni di persone rischiano di cadere prossimamente in una grave insicurezza alimentare.

I genitori, secondo quanto riportano i ricercatori del Pam, riferiscono di aver preso decisioni disperate per sopravvivere, mangiando meno cibo in modo che possano nutrire i propri figli, indebitandosi e vendendo beni e bestiame per generare un reddito. Inoltre, quasi il 50% della popolazione siriana dichiara di aver perso una o più fonti di reddito a causa della recessione economica e della pandemia covid-19. Ogni mese il Pam fornisce assistenza alimentare a quasi 5 milioni di persone tra le più vulnerabili. Per molti, questo è l'unico cibo disponibile ogni mese.