Il 97 per cento dei medici di Torino è protetto dal contagio dopo il vaccino

·1 minuto per la lettura

AGI - Il 97% dei medici di Torino risulta protetto dal contagio dopo il vaccino. È quanto emerge da un'indagine dell'Ordine dei medici di Torino su oltre 11 mila sanitari che hanno ricevuto il vaccino. È stato chiesto se, dopo il completamento del ciclo vaccinale anti-Covid, siano mai risultati positivi e dopo quanto tempo dalla vaccinazione. Dallo studio è emerso che appena l'1,41% di tutti i partecipanti (la stragrande maggioranza ha ricevuto Pfizer) ha contratto il Sars-CoV-2 dopo la vaccinazione, 168 su 11.910. La percentuale scende all'1,18% - 54 su 4.575 - se si considerano solo medici e odontoiatri.

Fra i partecipanti al questionario, 5.823 sono stati sottoposti a tampone dopo la vaccinazione, dalla fine di gennaio all'inizio di maggio: i positivi sono stati 179, il 3,07% del totale. E dunque, in un periodo di osservazione che si estende su circa tre mesi, il 96,93% dei soggetti sottoposti a tampone dopo la vaccinazione non ospitava il virus nelle prime vie aere.

Il dato è ancora inferiore per medici e odontoiatri, con il 2,25% dei positivi al tampone e quindi il 97,75% di negativi. "Alla luce di questi dati, che si accordano con i risultati di altre ricerche analoghe fatte anche in campo internazionale - commenta il presidente dell'Ordine dei medici Guido Giustetto - si può dunque ragionare in modo efficace per un allentamento delle restrizioni, almeno per tutte le persone che hanno ricevuto il vaccino".