Il blog di Grillo in romanesco: "Virgì, Roma nun te merita"

Plg
Askanews

Roma, 12 lug. (askanews) - "A Virgì, pijia na valigia, tu fijio, tu marito, famme un fischio, che se n'annamo via da sta gente de fogna. Lassa perde. Nun te spormonà, sta a fa un bucio de culo, puro senza rubbà, e , chi te critica quà, chi te critica là, chi c'ha er pupo sur fòco, e, jielo devi da tojie, e n'artra che se lamenta che nun je risponni, che nun la vai a sentì, che c'ha puro lei quarche cosa da lamentasse. E che cavolo! Se chiama Virginia, mica è la Madonna der Divino Amore! Quella, dice , che fà li miracoli". Comincia così il sonetto in romanesco di Franco Ferrari, dedicato alla sindaca di Roma Virginia Raggi e pubblicato da Beppe Grillo sul suo blog.

Il sonetto è una difesa a spada tratta della sindaca, incompresa secondo Grillo dai cittadini romani, che "dovete da rompe er ca'… sempre. Nun è da oggi. Sò circa tremila anni che rompete li cojoni, ma nun fate mai gnente pé dà na mano, anzi, giù botte!".

"Invece de curavve la città vostra - prosegue il sonetto -, fate er tifo pe li ladri, li delinquenti, proprio quelli che v'hanno fatto vive dentro a la monnezza". Anche diversi ex sindaci sono chiamati in causa: "Ve meritate Carraro, Signorello, Darida, Veltroni, Rutelli, Alemanno ! Marino. Da che sò vivo e capiente, solo Petroselli era ben visto da tutti, ma, er Signore se lo prese de corsa, forse voleva mette a posto er paradiso. Tutto er resto, monnezza su monnezza, de persone, o de opere, e li buffi c'hanno invaso la città".

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...