Il Brescia licenzia Mario Balotelli "per giusta causa"

AGI - Il Brescia licenzia Mario Balotelli: nella serata di venerdì il presidente delle rondinelle, Massimo Cellino ha dato mandato al proprio legale, l'avvocato Mattia Grassani, di spedire all'attaccante 29enne la lettera di licenziamento. Supermario non si presenta alle sedute di allenamento da metà maggio e avrebbe spedito alla società dei certificati di malattia. Per il Brescia ci sono i presupposti per il licenziamento per giusta causa in seguito alle assenze immotivate da alcuni allenamenti di fine maggio e dall'atteggiamento negligente avuto durante il primo periodo di lavoro da svolgere in casa attraverso la piattaforma online. 

Il presidente Cellino alla fine ha inteso troncare un rapporto che aveva iniziato a deteriorarsi durante la stagione, interrotta con il Brescia all'ultimo posto in classifica e lontanissimo dalla zona salvezza, con la situazione precipitata durante l'emergenza sanitaria. Negli ultimi giorni si è consumato lo strappo definitivo, tra dossier, assenze ritenute ingiustificate, silenzi, post su Instagram e mail. Balotelli riceverà la lettera di Cellino nella giornata di oggi e quella che doveva essere una favola per il ritorno di Super Mario nella sua città con un ingaggio ridotto a un milione e mezzo a stagione, si conclude senza il lieto fine.