Il buon debutto a Wall Street di Bumble, la nuova app di dating

·1 minuto per la lettura

AGI - L'app di incontri statunitense Bumble ha debuttato a Wall Street nella giornata di giovedì 11 febbraio con un'offerta pubblica iniziale che ha valutato la società a più di 8 miliardi di dollari, ed è salita in misura significativa durante la giornata.

Bumble si propone di diventare concorrente di Tinder ha come prerogativa di essere una piattaforma in cui è la donna a prendere l'iniziativa facendo la prima mossa nel dating. La Borsa di New York ha accolto l'azienda, che commercia sotto il simbolo di ticker "BMBL", a braccia aperte in un momento in cui le app di incontri stanno godendo di un immenso successo da quando la pandemia ha limitato le possibilità di milioni di persone negli Stati Uniti e nel mondo.

Con un prezzo di apertura di 43 dollari, lo stock ha guadagnato il 73% a 74 dollari. Bumble, che possiede le app Badoo e Bumble, è stata fondata nel 2014 da Whitney Wolfe Herd, 31 anni, ex presidente del marketing del rivale Tinder.

La sua ambizione è quella di essere una piattaforma sociale globale che è prima di tutto femminista, dando alle donne la possibilità di avviare relazioni. Un anno dopo il suo lancio nel 2015, l'applicazione registrava 15 milioni di abbonati e 80 milioni di agganci virtuali.

Entro il 2020, Bumble avrebbe registrato 54 milioni di utenti mensili, secondo Bloomberg, e 2,4 milioni di abbonati a pagamento tra Bumble e Badoo. Le due app, acquisite dal fondo d'investimento Blackstone nel 2019, impiegano 600 persone ad Austin, Texas, e hanno uffici in diverse città europee.