Il cambiamento climatico sta modificando il colore delle foglie che cadono in autunno

·4 minuto per la lettura

AGI - Il nord-est dell'America è famoso per il suo fogliame autunnale rosso, arancione e giallo, ma gli esperti dicono che il cambiamento climatico sta opacizzando i colori e ritardando l'alta stagione, causando preoccupazione per l'industria turistica "leaf-peeping" da molti miliardi di dollari della regione.

Le temperature più calde e le precipitazioni più pesanti stanno mantenendo le foglie più verdi più a lungo, mentre gli eventi meteorologici estremi come le ondate di calore e le tempeste stanno spogliando gli alberi prima di arrivare all'autunno, secondo gli ambientalisti.

"Il cambiamento climatico sta rendendo meno probabile l'ottenimento di quei perfetti colori autunnali", ha detto all'AFP Andy Finton, un ecologo forestale della Nature Conservancy nel Massachusetts. Diversi fattori delicati si combinano perché le foglie diventino i colori vibranti che adornano le cartoline del New England e vedono i visitatori affollarsi in stati come Vermont, Maine e New Hampshire ogni ottobre.

La giusta combinazione di calore e precipitazioni in estate, seguita da giorni di sole e notti più fresche quando le giornate iniziano ad accorciarsi, è necessaria per la clorofilla per rompere, svelando i pigmenti carotenoidi gialli e arancioni che trasformano frassini e betulle in una tonalità dorata.

Ma il processo più complicato con cui le foglie producono lo zucchero che crea i pigmenti rossi antociani visti negli aceri da zucchero e negli alberi di gomma nera è quello che preoccupa di più gli arboristi.

I giorni più caldi, accoppiati con notti più calde e cieli coperti causati dall'aumento delle precipitazioni stanno rallentando la fotosintesi, minacciando quei colori rossi profondi amati dai "leaf-peepers".

"Quello che vedrete sono colori più tenui", ha detto Finton. Leaf-peeping è un termine gergale negli Stati Uniti usato per descrivere l'attività ricreativa di viaggiare per vedere e fotografare i colori autunnali.

Numerosi siti web di monitoraggio cercano di prevedere dove e quando il picco del fogliame autunnale si verificherà mentre si fa strada verso sud attraverso il New England, compresi Massachusetts e Connecticut, e verso New York.

Ma gli ecologisti dicono che il cambiamento climatico sta spingendo la stagione indietro, rendendo più difficile prevedere quando le foglie si trasformeranno e minacciando di accorciare la finestra se è seguita da una rapida ondata di freddo.

Stephanie Spera, una scienziata ambientale presso l'Università di Richmond, sta studiando l'impatto del cambiamento climatico sul fall foliage nel Parco Nazionale di Acadia nel Maine. "Quello che stiamo vedendo è che è circa una settimana più tardi rispetto agli anni '50", e ora arriva intorno alla seconda settimana di ottobre, ha detto Spera all'AFP.

Barbara Brummer, una biologa sul campo con l'ufficio del New Jersey della Nature Conservancy, stima che quest'anno era in ritardo di almeno due settimane "rispetto a quello che tipicamente sarebbe potuto accadere 100 anni fa".

Il turismo del fall foliage è un grande business nel nord-est. Contribuisce 300 milioni di dollari alla sola economia del Vermont ogni anno, secondo le cifre ufficiali. In autunno, più di 500 persone visitano Polly's Pancake Parlor nel New Hampshire ogni giorno per meravigliarsi dei colori in mostra nelle White Mountains.

Il ristorante ha registrato quando le foglie cambiano colore fin dagli anni '70 per tenere traccia di come il tempo influiva sull'affluenza. L'autunno è una parte enorme del nostro business e i clienti ci chiedono: "Quando è il momento migliore per visitarlo?", ha detto all'AFP la proprietaria Kathie Cote, aggiungendo di essere "decisamente preoccupata" per il cambiamento climatico".

Anche gli eventi meteorologici estremi stanno portando scompiglio. A settembre, le forti piogge e i potenti venti portati dall'uragano Ida hanno abbattuto gli alberi e fatto cadere le foglie dai rami.

Gli ecologisti sono anche preoccupati per la bruciatura del fogliame, un fenomeno visto quest'estate negli Stati Uniti occidentali quando le temperature brutali hanno bruciato le foglie di marrone, spogliandole dei loro pigmenti. Dicono che le emissioni di carbonio devono essere ridotte e le foreste conservate per proteggere il fogliame.

Anche se riconoscono che il fogliame non è in cima all'ordine del giorno alla Cop26, foglie sane significano foreste sane che sono essenziali per l'ambiente. Le foglie che gli zuccheri sviluppano nei ramoscelli e nei fusti degli alberi per fornire cibo per la primavera. "Se si interrompono questi cicli, ci sono impatti che probabilmente non conosciamo nemmeno, perché la natura è così complessa", ha detto Brummer.

 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli