Il cantante era stato uno fra i primi ad annunciare con soddisfazione la sua nomina al governo

Vittorio Sgarbi e Morgan
Vittorio Sgarbi e Morgan

Serve un preciso ruolo in ambito musicale ed iI neo sottosegretario alla Cultura del governo Meloni Vittorio Sgarbi vuole dare un incarico a Morgan. Il cantante era stato uno fra i primi ad annunciare con soddisfazione la sua nomina al governo e Sgarbi ha rilanciato la sua figura in una intervista rilasciata oggi a Repubblica. In più il critico d’arte ha anche spiegato che con il titolare Gennaro Sangiuliano prevede una buona sintonia. Giuliano Urbani invece era finito più volte nel mirino di Sgarbi nell’era Berlusconi.

Sgarbi vuole dare un incarico a Morgan

E il ruolo a Morgan? Ha detto Sgarbi: “Non sono mai stato di destra, sono un anarchico. E in questo governo sono un plus”. Perciò per Marco Castoldi spiega: “Bisogna creare un dipartimento ad hoc per la musica, che deve essere affiancata all’arte, e lui avrà un ruolo. Morgan è un uomo di grande intelligenza, è un uomo libero, non si nasconde dietro la retorica degli slogan fascista/antifascista”.

Sgarbi e Sangiuliano “uniti da Benedetto Croce”

E Sangiuliano? “Urbani era un marziano che si occupava di diritto costituzionale, credo. Con Sangiuliano ho un rapporto di amicizia da 30 anni, ho anche presentato un suo libro. Troveremo il modo di convivere. Lui rappresenta un’idea di cultura di centrodestra, io un’idea di conservazione del patrimonio. Nel segno di Benedetto Croce“.