Il cantante Mahmood si schiera a favore della legge Zan

·1 minuto per la lettura
Mahmood legge Zan
Mahmood legge Zan

Mahmood cerca di schierarsi a favore dei diritti umani di tutti, indipendentemente dall’orientamento sessuale. Ma le polemiche intorno ad una sua recente affermazione non si placano.

Mahmood a favore della legge Zan

La legge cosiddetta Zan propone di inserire l’orientamento sessuale e l’identità di genere nell’attuale impianto giuridico italiano, in materia di reati d’odio e razziali, intervenendo sul codice penale. Al momento la proposta è bloccata in Senato, per il volere di Matteo Salvini, dopo aver incassato il via libera alla Camera lo scorso novembre, scatenando le proteste dei partiti di Sinistra e di molti personaggi famosi.

I personaggi schierati per la legge Zan

I primi cantanti a dichiararsi favorevoli sono stati Fedez ed Elodie. Qualche giorno fa anche Mahmood nelle sue Instagram Stories ha voluto dire la sua: “È di fondamentale importanza approvare la legge Zan. Ho sempre pensato che episodi di discriminazione basati sul sesso, sull’identità di genere e sull’orientamento sessuale debbano essere condannati”.

Polemiche per le frasi di Mahmood

Oltre a Fedez, anche Elodie, Levante e Michele Bravi si sono schierati a favore della legge Zan, però Mahmood si è fatto fraintendere per alcune sue dichiarazioni precedenti: “Essere omosessuali è una scelta indipendente e libera, a volte ci si nasce proprio”. Naturalmente in molti hanno sottolineato il fatto che essere omosessuali non sia una scelta.