Il capo dei Testimoni di Geova russi è stato condannato a sei anni

Un tribunale di Tomsk, in Siberia, ha condannato a sei anni di detenzione il leader della comunità locale dei Testimoni di Geova, gruppo religioso messo fuori legge in Russia nel 2017, perché considerato "estremista".

La portavoce del tribunale distrettuale di Tomsk, Olga Shevtosva, ha riferito che Serghei Klimov, 49 anni, arrestato a giugno del 2018, è stato ritenuto colpevole di aver organizzato un gruppo estremista. Si tratta della condanna più grave mai comminata a un Testimone di Geova in Russia, dove la comunità religiosa è da anni nel mirino delle autorità tanto da aver sollevato nei confronti del Cremlino l'accusa di violazione della libertà religiosa.