Il cappellano Oskar, in arte "Padre Crossfit", cerca follower: per il corpo e per lo spirito

Nella vita di tutti i giorni si chiama Oskar Arngarden, ha 38 anni, ed è cappellano dell'ospedale di Uppsala, a nord di Stoccolma, in Svezia.

Ma sui social si trasforma in un vero e proprio atleta con il nickname "Crossfitpriest", per raggiungere meglio la comunità religiosa (e pure la community digitale).

Su Instagram, il pastore luterano ha oltre 30.000 follower, che seguono i suoi consigli spirituali, ma soprattutto di fitness.

Per questo, Padre Oskar pubblica regolarmente i video dei suoi allenamenti, con musica rock in sottofondo.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

"Molte persone mi hanno chiesto del mio crossfit, il mio programma di allenamento, quindi cerco di pubblicare video dopo ogni sessione, in modo che le persone possano seguirmi, se lo vogliono. E, di solito, è qualcosa con i kettlebell, qualcosa di cardio, per aumentare la frequenza cardiaca", racconta Padre Oskar.

"Padre Crossfit" - come si autodefinisce - dice che si tratta di salute fisica e salute mentale.

"Nella Bibbia, si parla di come il nostro corpo è il nostro tempio. E penso che una parte del mio dovere sia anche prendermi cura del mio tempio... Dobbiamo farlo, abbiamo una possibilità, nella nostra vita. Quindi, cerco di farlo bene".

Ora Padre Oskar, alias "Crossfitpriest", cerca fedeli e follower anche per le sue messe...

"Dobbiamo trovare il modo in cui la Chiesa si rivolge alle persone per incontrare le persone...
E dove sono le persone? Sono sui social media. Quindi, dobbiamo essere anche noi sui social".