Il carabiniere ucciso prese un encomio per aver soccorso una bambina

"Non ci sono parole, era un animo nobile. Generoso. Diversi anni fa sono stata accompagnata al Bambin Gesù da Mario che è rimasto con me tutta la notte. Non si può morire così... Rischiano tanto ogni giorno, lui aveva la bontà d'animo anche negli occhi". Lo ha detto Elisabetta, la mamma della bambina che il vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, accompagnò al Bambino Gesù. Gesto per cui il carabiniere aveva preso un encomio quattro anni fa.

"Non ci sono parole, era un animo nobile. Generoso. Diversi anni fa sono stata accompagnata al Bambin Gesù da Mario che è rimasto con me tutta la notte. Non si può morire così... Rischiano tanto ogni giorno, lui aveva la bontà d'animo anche negli occhi". Lo ha detto Elisabetta, la mamma della bambina che il vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, accompagnò al Bambino Gesù. Gesto per cui il carabiniere aveva preso un encomio quattro anni fa.