Il Carnevale dei Ragazzi della Biennale di Venezia va online

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 25 gen. (askanews) - Si trasferisce online il 12esimo Carnevale Internazionale dei Ragazzi della Biennale di Venezia, che da sabato 6 a domenica 14 febbraio 2021 propone un programma di attività didattiche gratuite sul sito web ufficiale www.labiennale.org.

Le attività avranno luogo su prenotazione obbligatoria (promozione@labiennale.org) e il programma online si articolerà, come di consueto, in giornate per le Scuole (dal lunedì al venerdì) e il weekend (sabato e domenica) per le famiglie e gli adulti.

Il Carnevale dei Ragazzi 2021 dunque non si ferma e propone sulle piattaforme virtuali un programma molto vario che prevede danza, musica, giochi e racconti ispirati alla storia della Biennale e alle sue sedi espositive (Giardini e Arsenale), attività artistiche sui bozzetti di costume e di scena dall'Archivio Storico delle Arti Contemporanee - ASAC, iniziative di divulgazione scientifica realizzate in collaborazione con il CNR - ISMAR (Consiglio Nazionale delle Ricerche - Istituto di Scienze Marine).

Sono già 180 le iscrizioni di classi scolastiche ai laboratori online per un totale, al momento, di 3.534 studenti partecipanti. Sarà presente anche quest'anno la sezione I Magnifici, con 5 Scuole superiori impegnate per la realizzazione dei laboratori a distanza. Fra esse, 172 giovani studenti creativi realizzeranno attività di laboratorio, all'interno di percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento. Un particolare riconoscimento verrà conferito a quelle Scuole che, in questo momento di difficoltà, presenteranno dei progetti per il Concorso Leone d'argento alla Creatività destinato a scuole dell'infanzia, primarie e secondarie di I e II grado, per progetti aventi come finalità lo sviluppo, nelle scuole, della creatività applicata alle arti.

Il Carnevale Internazionale dei Ragazzi è un progetto della Biennale di Venezia che dal 2010 si rivolge ai ragazzi, alle scuole con i loro insegnanti e alle famiglie, sollecitando la creatività e la partecipazione nei giovani e mantenendo un costante dialogo diretto, pratico e attivo con i partecipanti.